IMG_1397

Lavoro con i Sogni – note di lavoro

In preparazione al prossimo seminario “Lavoro con i Sogni” [Sambuca di Sicilia 10-12 Febbraio 2017] ricevo da Nomad delle note scritte che metto a disposizione. Malgrado la doppia traduzione (dalla lingua nativa all’inglese e dall’inglese all’italiano) renda approssimativo il senso, i tre files possono fornire uno scorcio iniziale sul lavoro che sarà svolto. Agenda di…

Continue Reading...
img_1406

Il “Lavoro con i Sogni” insegnato dal “Road Chief” del Popolo Nevu

  Le conoscenze scientifiche contemporanee per utilizzare i sogni non risalgono a molto tempo fa, iniziano con i lavori Freud (1) e Jung (2), nella generazione precedente la mia. Nathan, recentemente, ha aperto un discorso interculturale, richiamando in gioco le Tradizioni mediterranee greca ed ebraica (3). Bisogna tuttavia rassegnarsi al fatto che la Cultura mediterranea…

Continue Reading...
img_1798

Come si usa un “oscillum” ?

Qui in Sicilia, in un tempo molto antico, all’inizio della primavera, i pesi del telaio erano appesi agli alberi, al limitare delle radure coltivate ovvero al sommo delle colline prospicienti le valli, in modo che il loro dondolare ritmico – del quale ognuno di essi era intriso, avendo sempre penzolato da un telaio- venisse trasmesso…

Continue Reading...
graffiti-addaura-001

Che cosa ci insegnano i graffiti dell’Addaura?

Queste figure sono incise nella roccia, sulla parete di una grotta di monte Pellegrino, che è una piccola montagna adiacente la città di Palermo. Dall’altra parte c’è Mondello.   Raffigurano dei danzatori del paleolitico.   L’incisione è fatta con maestria, ed evidenzia in particolare le masse muscolose dei glutei e delle cosce. Si trattava di…

Continue Reading...

“OSCILLUM” – Inquadramento storico

I Romani diedero poi il nome a questi dischetti di terracotta, sui quali stamparono diverse figure. Ho letto che in epoca imperiale ogni casa aveva un oscillum appeso a un’architrave. Dal nome che diedero all’oggetto non c’è dubbio che, per i Latini, esso raffigurasse un volto. E dal verbo che ne trassero  – “oscillare” –…

Continue Reading...